Buon anno!

Cala così il sipario sul 2018.

Un anno sicuramente intenso, con alcune soddisfazioni, ma anche con parecchie delusioni.

Cosa portarsi dietro da questi 365 giorni?

Sicuramente le molte persone incontrare, le storie sentite, le esperienze che ci aiutano a crescere: un insieme di volti, pensieri e anime che formano una meravigliosa e potente rete.

Ma anche gli errori, gli insuccessi, le cadute e le sconfitte: ci permettono di imparare.

Uno dei personaggi di un film affermava “Un uomo dovrebbe riconoscere le sue sconfitte garbatamente così come festeggia le sue vittorie, Max. Col tempo vedrai che un uomo non impara niente quando vince. Perdere invece può condurre a grande saggezza. Il nocciolo della quale poi è quanto sia più gradevole vincere. È inevitabile perdere di tanto in tanto... il trucco è che non diventi un’abitudine.”

Penso che questo 2019 debba iniziare così: con una speranza nuova, con la consapevolezza che tutto il nostro vissuto, nel bene e nel male, sia parte di noi e ci renda migliori.

Dal canto mio, mentre mi appresto a salutare il 2018 festeggiando con gli amici (come è giusto), rifletto che, tutto sommato, sono fiducioso nell’anno che verrà.

Il Partito Democratico Monza, dopo essere stato scottato da qualche insuccesso, ha chiuso l’anno con un congresso che ha portato nuova linfa nella nostra comunità, ci ha permesso di confrontarci ed arricchirci.

Ora, anche se le sfide che ci attendono saranno impegnative (una fra tutte le elezioni europee: con una Unione Europea mai così in pericolo davanti ai sovranismi), ho la consapevolezza che le persone che mi circondano siano in grado di farci volare alto e di affrontare le prossime battaglie con fiducia e positività.

A partire dai membri della Segreteria Cittadina.

Arrivederci al 2019 allora, con l’augurio che l’anno nuovo ci permetta di realizzare i nostri sogni, o almeno di non lasciare nulla di insperato.